La realizzazione di una visione di settant’anni fa

Circa 70 anni fa, un anziano groenlandese ebbe, in sogno, una visione quando era un ragazzo di 14 anni. La visione era: "Verrà il tempo e un nativo americano viaggerà in Groenlandia. Porterà con sé una pipa di preghiera molto speciale e farà muovere molte cose”.

 

Giovanni ha mantenuto questa visione da sogno per 70 anni, non l'ha mai dimenticata. E quando la chiamata dal mondo spirituale ha portato all'invito dell'incontro degli anziani in Groenlandia, nel 2017 Oyaté-tha-Tacan'sina ha intrapreso il viaggio verso l'isola dei ghiacci eterni.

 

 

 

Al primo incontro con Giovanni, che ora ha più di 80 anni, egli scoppia in lacrime: "Ti ho visto proprio con questa pipa di preghiera - e ora, dopo tanto tempo, sei davvero qui!”. Questo è stato un momento molto commovente per tutti e dopo un primo abbraccio, i due sono stati inseparabili per il resto del viaggio in Groenlandia.

 

 

Gli anziani erano preoccupati perché i ghiacciai hanno smesso di parlare con loro. Il ghiaccio si scioglie costantemente e non c'è una fine in vista. Una cerimonia è stata poi convocata dagli anziani antenati. In questa cerimonia l'isola della Groenlandia è stata ricollegata alla terraferma. Durante questa cerimonia si sono mostrate immagini chiare. Un tempo era così: il ghiaccio era così potente che si poteva raggiungere l'isola in canoa dalla terraferma (Nord America). La distanza diventava sempre più grande e non poteva più essere superata. Singoli gruppi di persone rimasero sull'isola - gli antenati originali della Groenlandia. Nella cerimonia questo legame, il legame con le radici primordiali, è stato rinnovato.

 

 

Poco dopo il ghiacciaio ha parlato ancora una volta - partorito - e si poteva vedere una meravigliosa superficie di ghiaccio fresco azzurro chiaro. Come ringraziamento e sostegno per lo spirito del ghiacciaio, la tribù Canglesa-Takata celebra da allora ogni settimana una cerimonia di preghiera.

 

  

La bisnonna e la nonna di Oyathé-tha-Tacan'sina del popolo degli Huroni avevano raccontato che i loro antenati erano andati in barca in Groenlandia e avevano visitato i loro fratelli e sorelle. A quel tempo i ghiacci del Canada e quelli della Groenlandia erano distanti tra loro solo una distanza percorribile in kayak. Proprio come allora, si è formato ora, a livello ancestrale, un ponte dalla Groenlandia al Canada.

 

 

Molto ha cominciato a muoversi in Groenlandia e la richiesta di una riunione degli anziani e la possibilità di uno scambio comune è stata riproposta in Europa. "Madre Terra ha bisogno di aiuto" - questa è la missione comune che viene portata agli anziani nei diversi popoli e che ha portato al primo incontro degli anziani convocato dalla tribù Canglesa-Takata nel 2018, che continuerà nel 2019.